Il metodo

LauraDp

PRIMA VISITA NUTRIZIONALE

Il primo incontro consiste in un colloquio finalizzato alla valutazione dello stile di vita e delle abitudini alimentare che costituiscono la quotidianità di chi intende intraprendere un programma alimentare di redenzione o di recupero di alcune condizioni patologiche (dislipidemie sovrappeso obesità ecc.).

Dopo la valutazione antropometrica (peso, altezza, calcolo del BMI) verrà eseguita l‘analisi della composizione corporea (bioimpedenza o BIA) per valutare lo stato di idratazione, la quantità di massa magra e grassa presenti nel corpo e il metabolismo basale.Infine verranno valutati i parametri delle analisi ematiche e delle urine, se disponibili.

Fondamentale è  stabilire di comune accordo gli obiettivi da raggiungere ed il percorso da intraprendere insieme e verrà esposta un’introduzione all’educazione alimentare.

In alcuni casi potrà essere consegnato anche un diario alimentare da compilare quotidianamente che verrà discusso insieme per identificare quali siano i comportamenti che involontariamente fanno fallire i buoni propositi.

Durata della prima visita: circa 1 ora.

Dopo una settimana circa verrà consegnato il piano alimentare che sarà pedonalizzato sulla base di  quanto emerso dal colloquio durante il primo incontro, completato da indicazioni e ricette per la preparazione dei pasti e da consigli pratici di aiuto al programma intrapreso.

PRIMO CONTROLLO E I SUCCESSIVI

Il primo controllo sarà fissato dopo 15 giorni dall’inizio del piano alimentare. E’ molto importante per il paziente perché permetterà di esporre tutte le domande ed i dubbi che sono sorti nel mettere in pratica i primi step del piano alimentare. E’ di fondamentale importanza anche per il professionista che si rende conto della risposta individuale di chi ha intrapreso il percorso nutrizionale.

I successivi controlli saranno basati come il primo sulla misurazione del peso e della composizione corporea per valutare le differenze di idratazione, di massa magra e massa grassa rispetto agli incontri precedenti.

In base al successo dei cambiamenti proposti e ai risultati ottenuti, di volta in volta verrà aggiornato, se necessario il piano alimentare. Il piano alimentare verrà comunque aggiornato a prescindere dal risultato conseguito ad ogni cambio di stagione con lo scopo di rispettare la stagionalità dei cibi.

Il percorso educativo nutrizionale si dipanerà per il tempo minimo necessario al raggiungimento degli obbiettivi concordati ,di comune accordo, nel corso della prima visita. Una volta terminato il percorso alimentare si potrà contare sulla consapevolezza di aver acquisito una totale autonomia nel gestire in modo corretto la propria alimentazione poiché saranno ormai acquisite e fatte proprie le competenze sulla valutazione nutrizionale dei singoli alimenti e sull’abilità nel combinarli fra loro al fine di non doversi più avvalere dell’aiuto di un nutrizionista.

Non verrà quindi rilasciato un programma di mantenimento. Il fine ultimo è quello di far acquisire la padronanza di un’alimentazione adeguata alla persona e finalizzata al mantenimento di un’eccellente stato di salute e alla prevenzione delle malattie legate a stili di vita non corretti.